Faq

Docenti

Come si accede al corso?

Il corso “sviluppo rurale, suolo e sostenibilità alimentare” sarà liberamente fruibile a partire dal 2 maggio 2016, come ospiti. In questa fase di sperimentazione, l’accesso è riservato ai docenti e agli studenti degli Istituti Agrari aderenti alla Rete Renisa.
Il corso 2015 su “Filiere agroalimentari e buone pratiche sul territorio” è, invece, liberamente fruibile a tutti da subito

Quale è il corso 2016?

Uso sostenibile del suolo: una priorità per lo sviluppo rurale” è il nuovo corso proposto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Direzione generale dello sviluppo rurale), in occasione dell’Anno Internazionale dei suoli 2015.  Il percorso di formazione proposto è strettamente collegato all’attività di formazione svolta sul campo (iniziativa RuralCAMP realizzata dal 20 al 26 settembre 2015 presso le strutture sperimentali del CREA di Tor Mancina) che ha coinvolto studenti e docenti “selezionati” ed ha avuto lo scopo di fornire strumenti e competenze operative su specifici temi (es. conservazione del suolo, produzione sostenibile delle bioenergie, produzioni zootecniche e uso del suolo) che ruotano intorno al tema centrale “uso sostenibile del suolo: una priorità dello sviluppo rurale”.

A chi si rivolge?

Il corso “sviluppo rurale, suolo e sostenibilità alimentare” sarà liberamente fruibile a partire dal 2 maggio 2016. In questa fase di sperimentazione, l’accesso è riservato ai docenti e agli studenti degli Istituti Agrari aderenti alla Rete Renisa. Il corso 2015 su “Filiere agroalimentari e buone pratiche sul territorio” è, invece, liberamente fruibile a tutti

Come è strutturato il corso?

Comprende due moduli: - Raccolta, Gestione e Monitoraggio dei Dati: Focus Agro-Ambiente; -Suolo e Sostenibilità (modulo attualmente in corso di sviluppo, a partire dai casi studio RuralCAMP). Moduli aggiuntivi potranno essere implementati su richiesta degli interessati. Alla scuola secondaria di II grado e, in particolare, agli studenti e ai docenti/dirigenti scolastici degli Istituti Agrari italiani.

Se le credenziali per l'accesso sono soltanto quelle a me assegnate, come sarà possibile distinguere gli studenti di una classe da quelli di un'altra classe?

E’ possibile richiedere ulteriori credenziali, specificando nome e cognome del docente, classe, Istituto Agrario e appartenenza alla Rete Renisa o più semplicemente provvedere direttamente alla registrazione (specificando che trattasi di Istituto appartenente alla Rete Renisa) e attendere l’invio delle credenziali. Il corso “sviluppo rurale, suolo e sostenibilità alimentare” sarà liberamente fruibile a partire dal 2 maggio 2016, come ospiti. In questa fase di sperimentazione, l’accesso è riservato ai docenti e agli studenti degli Istituti Agrari aderenti alla Rete Renisa.
Il corso 2015 su “Filiere agroalimentari e buone pratiche sul territorio” è, invece, liberamente fruibile a tutti da subito. La verifica deve essere effettuato da un solo terminale per tutta la classe, accedendo al sistema con le credenziali assegnate.

Come si accede al corso?

Il corso “sviluppo rurale, suolo e sostenibilità alimentare” sarà liberamente fruibile a partire dal 2 maggio 2016, come ospiti. In questa fase di sperimentazione, l’accesso è riservato ai docenti e agli studenti degli Istituti Agrari aderenti alla Rete Renisa.
Il corso 2015 su “Filiere agroalimentari e buone pratiche sul territorio” è, invece, liberamente fruibile a tutti da subito

Studenti

Quali sono gli obiettivi del corso?

Il corso è finalizzato a stimolare la curiosità e la conoscenza sul tema “suolo e sostenibilità”, con tre finalità specifiche:

sviluppare competenze tecniche;

favorire l’acquisizione di capacità di comunicazione  e  problem solving da parte degli studenti;

assegnare ai  docenti un ruolo attivo:  testare  i percorsi formativi e contribuire ad arricchirli.

Gli studenti possono seguire le lezioni e svolgere le attività previste, in autonomia, da casa, o devono effettuarle in classe tutti insieme?

Gli studenti potranno seguire le lezioni anche da casa, registrandosi come ospiti, dal 2 maggio 2016.

E' obbligatorio che tutti gli studenti di una classe seguano le lezioni ed effettuino il test di verifica o possono farlo solo i più motivati?

Il docente si impegna ad inviare la verifica a nome della classe, dopo che la classe ha seguito le 4 lezioni. Dal nostro punto di vista non ci sono obblighi, riguardo all’effettivo numero di studenti coinvolti.

Nelle videolezioni ho notato che, in alto, è presente un'icona a forma di orologio sulla quale, al passaggio del puntatore del mouse, compare la scritta "guarda più tardi": questo significa che è possibile vedere la lezione solo una volta, o un numero limitato di volte, o può essere visionato più volte, senza limiti?

Le videolezioni possono essere visionate più volte, senza limiti. Il sistema offre flessibilità anche nell’ambito di una singola lezione.


Nel link relativo alla verifica è riportato che questa non sarà disponibile fino all'11/04, quando è previsto il termine ultimo per effettuarlo? Sempre in merito ala verifica ho letto che il metodo di valutazione è il "voto più alto", questo significa che la valutazione della classe dipenderà dallo studente che ha conseguito il risultato migliore?

Ci sono 2 settimane di tempo per completare il test (fino al 22 aprile). Di proposito abbiamo scelto di pubblicare il test dopo una settimana, per consentire alle classi di seguire le lezioni prima di effettuare il test di verifica. Ai fini della selezione degli studenti e dei docenti partecipanti alle attività di campo trasmetteremo alla Rete Renisa dati riferiti alla visione delle lezioni (es. numero di lezioni seguite) e  al superamento del test di verifica. Il punteggio serve, eventualmente, al docente per individuare nell’ambito della classe lo studente/gli studenti più preparati e motivati.

Quali sono le modalità di accesso?

L’accesso al corso è gratuito e aperto a tutti. Per vedere le videolezioni è necessario effettuare la registrazione, specificando username e indirizzo mail.

Viene rilasciato un certificato?

Il corso prevede il rilascio di un certificato di frequenza al completamento dell’intero corso, dopo il superamento della verifica finale e della prova di laboratorio. 

Ultime modifiche: venerdì, 22 aprile 2016, 14:53